.
Annunci online

 
esperimento 
Un tentativo per uscire dal ghetto dei pregiudizi
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Informazione alternativa
Le mie foto
Eduplanet
Sionismo, Istruzioni per l'uso
Ella Abukassis
Per poter navigare liberamente anche sotto dittatura
Direttamente da Israele
Centro internazionale per gli studi sul terrorismo
Sapere cos'è il terrorismo
Purim 1946
Tutto su Sderot
Historiaweb
Vedute aeree
Ebraismo in Italia
Informazione corretta
Associazione per lo studio degli ebrei italiani
Marc Alan Di Martino
Roma ebraica
Fonte sicura
Tour virtuale di Gerusalemme
Roman project
Blog sulla Nasa
Davka project
Hasbarà
Middle East Media Research
Progetto Davka
Mizrachi
Il libro di Pierre C.
Notizie in francese
Blog franco-israeliano
Page di J. Richman
Frontpage
Tesi di laurea interessanti
todayworldnews blog as partial mass media give...
Yavne olamì
Strade di Gerusalemme
Osservatorio internazionale sui media
Maariv
Mappe di Israele
Bellissime foto da Israele
Storia dell'Esperia
I canali dell'odio
Mei
Roma anni '60
Strategy page
Daniel Pipes in italiano
Foto
E-dezani
Arabi per Israele
Falafel game
Giorgio Perlasca
Bedlam
Quaderni radicali
We Should Not Forget
I-cool
Pakistan today
Broadsword
Libertà per Shoaib Choudhury
Imparare divertendosi
Checkpoint di Kahlandia
Moleskina
La Gerusalemme sconosciuta
Bimbi palestinesi
Mike Silverman
Passig
Calabria-Israele
Jkatz
Refuseniks musulmani
Gli argomenti umani
Hazon Yeshaya
Un biglietto per il Paradiso
Tempio dei giovani
Comunità religiose islamiche
Una vita da ricordare
Quanto sai sul conflitto arabo-israeliano? Text your knowledge
Cox & forkum
I Caraiti di Crimea
Tour virtuale di Israele
Reshet bet
Yediot Acharonot
Ponte Azzurro
Essere liberi
Grouchyoldcripple
Zotzap
Metransparent
Meimad
Israel21c
Deliri adrenalinici
Poemi per i rapiti e gli assassinati
La guerra dei 6 giorni
Canale satellitare israeliano
Bruscocartoons
Scopri Israele con una mappa interattiva
I parchi naturali in Israele
La politica estera di Tocqueville
Rassegna stampa estera
Radio israeliana 102 FM
Notizie dall'Iran
Latte e miele
Elenco delle organizzazioni terroristiche nel mondo
Il film di Anna
Traduci on line dall'inglese
Storielle in inglese da ascoltare
Ein Bokek
Ebrei profughi dalla Libia
Ghetto di Venezia
English easy short stories
Benny Fadlun - Musica ebraica in Italia
Impara i verbi in ebraico
Per la democrazia in Iran
L'orient le jour, quotidiano libanese
http://www.liberte-algerie.com/
My Heritage
Samantha Burns
Vignette di Boomka
Bypassa le password
EC
Archivio dei film di Spielberg
Elenco di links interessanti (anche se non tutti funzionano ancora)
Guysen
Aaarons
Carlo Panella

I risultati della Commissione diritti umani dell'Onu
Graziano Gallo
Blog DRom
Romanolil
Big Pharaoh
Contro la schiavitù

Notte d'oriente
Jerusalem Newswire
Dipitech online
I figli di Noè
Israele dietro le notizie
Musica

Brani di MP3 israeliani
David Broza
Reggae chasidico
Kol Cambridge
Yoram Gaon
Progetto Davka
Musicalità dal mondo per Sukkot
Mostly music
Musica israeliana
Testi di canzoni israeliane tradotte e traslitterate
Tutta la musica (sito in ebraico)
Consigliato da Raccoon
La musica di Alberto Levy

Un blog giornale
Uno splinderamericano
Piccolo mondo
Dolcelei
Un blog sull'ebraismo
Micol
Blog sull'Iraq
Buzzurro
Diario di un viaggio in Iran
Polli ispirati
Rinat
Gli Haiku di Ephrem
Il velo di Maya
Sole e Ombra
Blog per gli scrittori
Orestina
Endor
Rotaciz
Una mia omonima
Law.harvard
Continental drift
Sogno americano
La Radice
Le guerre civili
Daniele quercianellese
Random bits
Liapunov
Nomanland
Mesopotamico
Il Bersò
Il salotto di Avy
Lobbyliberal
L'ex rolli su clarence
Giuda Maccablog
Blog per le vittime dello Tzunami
La zanzara
Nepal libero
Bautzetung
No way
Uriele bolognese
Shylok splinderiani
Psiko
Imprescindibile
ReyTS
La bocca del cavallo
Ozrach (Rachel)
Israelly cool
Educationzip
Ayaan Hirsiali
Tamara Vorobjova (finlandese in italiano)
Comunitando (Com.LI)
Sul terrorismo
Anima insonne
Alifbay
Motnews
Gabibbo
Neopunto
Saul
Dubh
Notizie strampalate da tutto il mondo
BlogGlob
Stefania La Penna
Teenage pundit
Componi il tuo ritratto
Italian blogs for freedom
Blog iraniano
Aa
Medienkritik
Giolitti
Jerushalaim
Fortskunk
Il punto splinderiano
Jimmomo
Vittore
Blog italo-americano
Franci la fatina
Blog di Umberto
Chaia Liv
Blog di Martino
Delf
Diario di una persona meravigliosa
Blog in inglese
Sultan Knish
Blog di Paolo
Analisi
Anticomunista
Fuori dal ghetto
Blog di Luca Sofri
Gilbenmori
Nequidnimis
They killed Kenny
Silverlynx
Che il Suo ricordo sia benedetto e che sia da esempio per tutti noi
Watergate
Molta osservazione
Archivi di Gerusalemme
Associazione dei musulmani in Italia
Il blog di Sharon
Roberto's blog
Le risposte ai complottisti dell'11/9
Piccola rassegna di blog israeliani
Note personali (non mie però)
Il megafono
Oylem Goylem (polacco)
Francesco Mangascià
Blog marocchini
Blog israeliani in inglese
I tempi e le idee
Il blog di Daniella K
Giano
L'esperienza di Skan
La versione di Marta
Yochanan
Una macchia d'inchiostro
Ingrandimenti
Annie
Vanpolitik
Giorgio Israel
Un giorno di Israele
Resistenza (moderna)
Il Punto
Traduci on line dall'ebraico
Quotidiano liberal
ADL
Amici di Israele
Cronologia delle guerre in medio oriente
La storia fotografica di Israele
terrorism-news-blog
per chi vuole scrivermi: esperim@email.it oppure esperim06@yahoo.it
  cerca

BENVENUTI!



Se volete aderire a questo appello scrivete a linceo@email.it






 

Questo blog sta spudoratamente con Israele e, riprendendo un post di Victor Davi Hanson, gentilmente già tradotto daCamillo non metterà in dubbio le sue idee, ma lo potrebbe fare se:
-
Sharon sospenderà tutte le elezioni e pianificherà un decennio di governo che non potrà essere messo in discussione.
-Sharon sospenderà tutte le inchieste giudiziarie sulle sue attività fiscali e i membri della sua famiglia spenderanno a Parigi i milioni di dollari dati a Israele come aiuti umanitari.
-Tutte le le televisioni e i giornali israeliani saranno censurati dal partito Likud.
-Squadracce di assassini israeliani entreranno in Cisgiordania con la precisa intenzione di far saltare in aria donne e bambini arabi.
-I bambini e adolescenti israeliani saranno addobbati con esplosivi sotto le camicie per andare a uccidere famiglie palestinesi.
-Le folle israeliane si precipiteranno in strada per immergere le mani nel sangue dei loro morti e poi marceranno invocando omicidi di massa di palestinesi.
-I rabbini pronunceranno sermoni pubblici con cui ritraggono i palestinesi come figli delle scimmie e dei maiali.
-I testi scolastici israeliani diranno che gli arabi fanno sacrifici umani e riti omicidi.
-I principali politici israeliani, senza che nessuno li rimproveri, invocheranno la distruzione della Palestina e la fine della società araba in Cisgiordania.
-I membri del partito Likud linceranno e uccideranno, come se fosse normale, e senza processo, i propri oppositori.
-I fondamentalisti ebrei uccideranno le donne colpevoli di adulterio e resteranno impuniti perché sosterranno di aver salvaguardato l'onore della famiglia.
-La televisione israeliana trasmetterà - accompagnati da musica patriottica ­ gli ultimi messaggi registrati di assassini suicidi che hanno massacrato dozzine di arabi.
-I manifestanti ebrei faranno una parata per strada e vestiranno i loro bambini da assassini suicidi.
-I newyorchesi pagheranno 25 mila dollari di taglia per ogni palestinese ucciso da un assassino israeliano.
-I militanti israeliani uccideranno un ebreo per sbaglio e poi si scuseranno dicendo che pensavano fosse un arabo, al fine di tacitare la società israeliana.
-Gli ebrei entreranno nei villaggi arabi di Israele per mitragliare donne e bambini.
-Le figure pubbliche israeliane, come se fosse una cosa normale, minacceranno di colpire gli Stati Uniti con attacchi terroristici.
-Bin Laden sarà un eroe popolare a Tel Aviv.
-Gli assassini ebrei uccideranno diplomatici americani e la società ebraica darà loro ospitalità.
-I cittadini israeliani celebreranno le notizie secondo cui tremila americani sono stati assassinati.
-I cittadini israeliani esprimeranno sostegno per i tentativi dei supporter di Saddam di uccidere gli americani in Iraq.
-Gli israeliani ameranno la morte e gli arabi vorranno bersi in pace un caffé da Starbucks.

Lo statuto di Fatah



"
Israele è una delle rare cause che sostengo. Neri e ebrei sono legati da una storia comune di persecuzioni"
Ray Charles, "The Genius", cantante e pianista.









Carlo Panella
I piccoli martiri assassini di Allah
pp. 224 - Euro 12,90 - Edizione in brossura con sovraccoperta. Indottrinamento scolastico, religioso, mediatico; cortometraggi di propaganda appositamente studiati per annullare la naturale paura della morte; canzoncine e giochi che esaltano il suicidio e il martirio. Sono terribili ed eclatanti i documenti raccolti in questo saggio. Oggi un’intera generazione di ragazzini, vittime dell’indottrinamento e della propaganda crede che la morte per Allah in guerra sia la più elevata impresa conseguibile in vita. Questa educazione è un’onta indelebile, un abuso, un terribile pregiudizio per il futuro della regione e del pianeta.

Carlo Panella
, autorevole osservatore dell’intricato scenario mediorientale, analizza la nuova, terribile arma del terrorismo islamico: il martirio degli shaid–killer, i suicidi-assassini, diventati ormai parte integrante nel progetto di una società islamica fondamentalista. "È questo, per chi ha occhi per vedere, il nuovo volto di un vecchio cancro che l’Europa ha tristemente conosciuto: il totalitarismo".

 



l'educazione impartita ai bambini palestinesi - This is what is taught to palestinian children

"Avremo la pace quando gli arabi ameranno i loro figli quanto odiano noi" - Golda Meir

E
’ ovvio che tutti i morti chiamano compassione, che le vittime non stanno da una parte sola, che in Medio Oriente non è quasi possibile distinguere il sangue dei vinti da quello dei vincitori, perché è in corso una lotta esistenziale la cui conclusione è tutt’altro che certa, e il cui unico sbocco umano possibile è la pace. Ma non è ovvio, anzi è uno scandalo, che il terrorismo sia rubricato sotto la voce “resistenza”, che non si capisca quanto sia di rigore il dovere di amare un paese così, affetto da questa piaga, lacerato e insanguinato nel modo che vedete, e non in metafora, ma alla lettera. E gli scandali devono venire alla luce.Il terrorismo è una paura dell’invisibile, e questa paura forgia le coscienze degli occidentali che cedono terreno alla sua logica nell’invisibilità. (...) - Da «Amiamo la vita più di quanto loro amano la morte» Il Foglio 3/2/2004.

Israele rappresenta un caso unico: quello di uno Stato al quale si contesta il diritto di esistere. La politica israeliana si può comprendere chiaramente solo alla luce di questa realtà. Tutti i timori, le preoccupazioni, le angosce dei miei amici israeliani, compresi quelli più impegnati per la pace, si riassumono nella paura di vedersi negare il diritto di esistere. Una paura che non cesserà finché questo diritto non sarà garantito. E finché durerà questa paura, l´unica reazione possibile sarà quella di dire: «Mai più ci lasceremo condurre docilmente al massacro come agnellini inermi». (...) Chi non lo comprende, e non tiene presente al tempo stesso il fatto che fin dal primo momento l´esistenza stessa del neonato Stato d´Israele veniva contestata da parte araba, con mezzi militari e sempre nuove minacce, non può comprendere qual è veramente la posta in gioco nel conflitto mediorientale. Se guardiamo alla situazione attuale, non possiamo ignorare le sofferenze dei palestinesi, i morti, le molte vittime innocenti, dall´una e dall´altra parte. Ma questo conflitto potrà arrivare a una soluzione soltanto quando il diritto alla esistenza dello Stato di Israele e dei suoi cittadini sarà garantito al di là di ogni possibile dubbio. (...) Da "Vedere l'Olocausto in atto" di Joschka Fischer su La Repubblica del 3/2/2004.

Che i profughi palestinesi siano delle povere vittime, non c'è dubbio. Ma lo sono degli Stati Arabi, non d'Israele. Quanto ai loro diritti sulla casa dei padri, non ne hanno nessuno perché i loro
padri erano dei senzatetto. Il tetto apparteneva solo a una piccola categoria di sceicchi, che se lo vendettero allegramente e di loro propria scelta. Oggi, ubriacato da una propaganda di stampo razzista e nazionalsocialista, lo sciagurato fedain scarica su Israele l'odio che dovrebbe rivolgere contro coloro che lo mandarono allo sbaraglio. E il suo pietoso caso, in un modo o nell'altro, bisognerà pure risolverlo. Ma non ci si venga a dire che i responsabili di questa sua miseranda condizione sono gli «usurpatori» ebrei. Questo è storicamente, politicamente e giuridicamente falso. Dal «Corriere della Sera», Indro Montanelli, 16 settembre 1972.

(...) l'11 marzo l'Europa ha pagato caro il suo pacifismo filoislamico: 200 morti innocenti, il più  terribile attentato mai vissuto nel vecchio continente. 
(...) Sarebbe giusto capire finalmente la tragedia che vive Israele da anni e sarebbe giusto pensare che noi abbiamo vissuto 130 volte l'11 marzo in tre anni e mezzo. 130 attentati suicidi in un Paese piccolo come una regione italiana. Dopo ogni attentato sentivamo i commenti più atroci: " lotta di liberazione, non hanno altra possibilita'che il terrorismo, militanti per la libertà, occupazione militare, peggio per loro (cioè noi)". Mai una normale parola di comprensione per i nostri bambini lacerati dai chiodi e dall'esplosivo. Una bambina di sette mesi è la più piccola vittima di Madrid. La sua morte dovrebbe pesare sulla coscienza di chi ha sempre tentato di giustificare il terrorismo islamico.
La sua morte, come quella delle altre vittime, dovrebbe togliere il sonno a chi esaltava Durban, a chi approvava i cortei pacifisti urlanti "Bush e Sharon Boia" e ai capetti europei sempre pronti a calare le braghe davanti alle dittature islamiche. Io li porterei tutti a Madrid e li farei stare sull'attenti davanti ai pezzi dei corpi delle vittime dei fratellini di Bin Laden, Arafat e Saddam Hussein.
Deborah Fait su Informazione corretta 13/03/2004.



Quattro giorni più tardi, 16/10/2000 il quotidiano palestinese di Ramallah "Al Hayat Al Jadida" pubblicava il seguente appello:
Chiarimenti speciali dal rappresentante italiano della rete televisiva ufficiale italiana. Miei cari amici di Palestina, ci congratuliamo con voi e crediamo che sia nostro compito mettervi al corrente degli eventi che hanno avuto luogo a Ramallah il 12 ottobre. Una delle reti private italiane, nostra concorrente, e non la rete televisiva ufficiale italiana RAI, ha ripreso gli eventi; quella rete ha filmato gli eventi. In seguito la televisione israeliana ha mandato in onda le immagini così come erano state riprese dalla rete italiana e in questo modo l’impressione del pubblico è stata che noi, cioè la RAI, avessimo filmato quelle immagini. Desideriamo sottolineare che le cose non sono andate in questo modo perché noi rispettiamo sempre e continueremo a rispettare le procedure giornalistiche dell’Autorità Palestinese per il lavoro giornalistico in Palestina e siamo attendibili per il nostro lavoro accurato. Vi ringraziamo per la vostra fiducia e potete stare certi che questo non è il nostro modo d’agire (ossia nel senso che non lavoriamo come le altre reti televisive). Non facciamo e non faremo cose del genere. Vi preghiamo di accettare i nostri migliori auguri. Riccardo Cristiano,Rappresentante della rete ufficiale italiana in Palestina
(grazie alla segnalazione di Barbara).

 

Esperimento consiglia:

 

24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi di Ruth Halimi ed Emilie Frèche. Traduzione di Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan. Ed. Belforte

A lie gets halfway around the world before the truth has a chance to get its pants on. Winston Churchill (grazie ad Old Toni)

«L'antisemitismo è qualcosa che minaccia la vita degli ebrei ma devasta, a volte in maniera irrimediabile, le coscienze dei non ebrei. È giunto il momento di raccontare quelle sgradevoli verità che non siamo ancora riusciti né a confessare né a confessarci del tutto.»


   Il sistema costituzionale dello Stato di Israele
dalai lama


*LIST
JEWISH BLOGGERSJOIN*



(Grazie a Dandy che è l'autore del bellissimo manifesto e a Bautzetung promotore della lista il cui motto è "Né di qua né di là!!!")

TOCQUEVILLE,  la città dei liberi.

Premessa. – Introduzione. – I. Profili storici (E. Ottolenghi). – II. Costituzione e Fonti del Diritto (A. Mordechai Rabello). – III. La Forma di Governo (E. Ottolenghi). – IV. I partiti politici (A. Mordechai Rabello e A. Yaakov Lattes). – V. Le libertà fondamentali (S. Navot). – VI. L’ordinamento giudiziario (S. Goldstein e A. Mordechai Rabello). – VII. La giustizia costituzionale (T. Groppi). – Orientamenti bibliografici (a cura di Francesca Rosa).
 

 



 



                                         

>
A lie gets halfway around the world before the truth has a chance to get its pants on. Winston Churchill (grazie ad Old Toni)



Grazie a Watergate che ha migliorato notevolmente questa homepage

E voi cosa proponete? Andreacaro è convinto che una risata ci seppellirà.


 

Diario | Dai mass media italiani | Dall'estero | Satira, musica, balli | Interventi, riflessioni, commenti |
 
Diario
1visite.

22 giugno 2007

Questa non è la prima guerra civile palestinese

C’è da aspettarsi che per mezzo secolo gli arabi si uccideranno a vicenda per vendicarsi di quanto è avvenuto”. Questa frase non è di oggi, anche se molti in Palestina la condividerebbero, ma è stata pronunciata nel 1938 da Raghib Nashashibi, autorevole leader della fazione palestinese moderata Partito della difesa nazionale, antenato diretto di quello di Abu Mazen. Una frase profetica, che si riferisce alla prima guerra civile palestinese, ben più feroce e sanguinaria di quella di queste settimane, che si svolse per tre anni, tra il 1936 e il 1939, intrecciandosi con una violenta azione antisionista e antibritannica (la Palestina era sotto mandato inglese), in un contesto straordinariamente simile a quello di oggi (fatte salve le ovvie differenze d’epoca). Fu infatti una rivolta innescata dal Partito nazionale palestinese, fondamentalista, fondato nel 1935 dal Gran Mufti Haj Amin al Husseini – cui Hamas si rifà esplicitamente – per impedire che la fazione nazionalista saldamente ancorata alla Giordania, come lo è oggi Abu Mazen, accettasse la soluzione “due popoli, due stati”, che allora si chiamava “Piano di partizione Peel” e che prevedeva la costituzione di un minuscolo stato ebraico su 5.000 chilometri quadrati e di uno stato arabo sulla quasi totalità del territorio. Chi oggi spiega il mattatoio chirurgico di Gaza, la ferocia dei miliziani di Hamas, come il prodotto della “esasperazione palestinese” e ne accolla la responsabilità politica a Israele – tra questi Massimo D’Alema e molti altri – guardi alla prima guerra civile palestinese, ai suoi attori così simili a quelli di oggi, agli schieramenti anch’essi identici e alla loro ferocia, ancora superiore. Guardi infine ai morti di allora, quattro volte quelli di oggi: mille i palestinesi uccisi da palestinesi dal 2004 a oggi, quattromilacinquecento tra il 1936 e il 1939. Guardi e si interroghi. Forse quelle valutazioni antisioniste non sono, come ha denunciato il presidente Giorgio Napolitano, ispirate dall’antisemitismo. Forse lo sono. Comunque sono assolutamente antistoriche. La guerra civile palestinese 1936-1939 mette infatti indiscutibilmente davanti agli occhi una verità storicamente inoppugnabile: la ferocia palestinese e la logica della guerra civile palestinese non sono nate nel 1967, non sono state prodotte dai campi profughi o dalle colonie israeliane o dalla violenza dell’esercito israeliano. Sono tutte dentro la storia palestinese e sono già esplose, con maggiore violenza, ben settanta anni fa, quando i sionisti erano poche centinaia di migliaia, disarmati o con poche armi, osteggiati dalla comunità internazionale e – in particolare – dalla potenza mandataria, l’Inghilterra. La rivolta palestinese cominciò casualmente il 15 aprile 1936, quando due ebrei furono uccisi da briganti palestinesi che rapinavano passanti sulla strada per Tulkarem; i sionisti reagirono con rappresaglie e nel giro di pochi giorni la situazione diventò incandescente. Il Gran Mufti di Gerusalemme leader del partito antenato di Hamas in apparenza fece opera di mediazione, ma in realtà lavorò per trasformare i tumulti in un Jihad: formò un “Comando Generale del Jihad”, proclamò uno sciopero generale che durò 175 giorni (a suon di violenze sui tantissimi crumiri, soprattutto commercianti), trovò subito un suo obbiettivo non soltanto nei sionisti e nelle truppe britanniche, ma anche e soprattutto nei palestinesi “collaborazionisti”. Arrivarono anche volontari arabi dalla Siria e dall’Iraq, circa 200 feddayn al comando di Fawzi al Qawuqji, un ufficiale ottomano di origine irachena, che sarà nel decennio successivo il più brillante comandante militare dei palestinesi (poi responsabile della radio nazista in arabo da Berlino). Una volta rientrato lo sciopero generale, i disordini continuarono fino a tutto il 1939, con una ferma reazione inglese, il confronto militare con le unità dell’Hagana, la milizia sionista che sviluppò una intensa strategia militare di “difesa aggressiva”, le prime rappresaglie terroriste dell’Irgùn di Jabotinsky, purtroppo anche contro civili arabi, le esecuzioni e i taglieggiamenti di migliaia di palestinesi a opera di palestinesi. Se si leggono le cronache di allora (naturalmente, non quelle sioniste, ma quelle insospettabili e attendibili di parte palestinese) e le si paragona a quanto è successo a Gaza – ma anche in Algeria, in Libano, in Iraq, in tutte le nazioni arabe collassate su se stesse – il risultato è sconcertante. Questo il rapporto scritto nel maggio del 1939 al proprio “Comando centrale del Jihad”, autoesiliatosi a Damasco, il comandante della rivolta di Nablus Mohammed Hasan, detto Abu Bakr: “Il comportamento dei combattenti nei confronti degli abitanti dei villaggi è quantomeno dispotico, talvolta disgustoso: pure e semplici razzie, esecuzioni senza indagini preventive, violenze disordinate e senza motivo o, al contrario, inerzia assoluta. Gli abitanti dei villaggi chiedono aiuto ad Allah contro simili comportamenti. La gente di campagna è profondamente esasperata. Nelle città c’è profonda sfiducia. Ci sono spie ovunque e chi è ancora leale alla rivolta non sa come regolarsi”. Il movimento jihadista del Gran Mufti, aveva una motivazione essenzialmente religiosa, ideologica, fondamentalista, radicata nel suo clan famigliare, ma soprattutto in plebi urbane marginali e allo sbando. Ebbe da subito relazioni intense con il fondamentalismo wahabita dei sauditi (come si vide nella triangolazione di armi richiesta a Mussolini dal Gran Mufti attraverso i sauditi nel 1936) e che soffrì, però, ancora di un relativo isolamento nel mondo arabo e musulmano, nonostante i reiterati appelli alla umma mondiale lanciati dal Gran Mufti. Un isolamento controbilanciato dall’alleanza già consolidata col nazifascismo: Galeazzo Ciano testimonierà nel suo Diario nel 1940 di “milioni” versati al Gran Mufti e solidi aiuti gli arrivarono anche tramite Fritz Grobba, eminenza grigia di Hitler in medio oriente. Dall’altra parte, il movimento palestinese moderato che faceva capo al clan dei Nashashibi raccoglieva il consenso dei grandi proprietari terrieri, di buona parte del Bazar di Gerusalemme (quindi dei commercianti e del minuscolo mondo, ancora arretrato, della finanza), e soprattutto aveva – e avrà ancora per decenni – una forte sponda moderata araba sul piano internazionale. Sia re Abdullah al Hashemi di Transgiordania, che suo fratello re Feisal dell’Iraq e dopo di lui Nuri al Said, intervennero infatti pesantemente negli anni Trenta, soprattutto tra il 1936 e il 1939, nella crisi palestinese, per contrastare il jihadismo del Gran Mufti (che infatti tenterà di detronizzarli nel 1941), per mediare con i sionisti e con gli inglesi, per rafforzare i Nashashibi e infine per fare approvare il piano inglese che prevedeva la nascita di due stati, uno palestinese e uno ebraico, al termine del mandato britannico. Dopo la prima fase della rivolta, preso atto che la convivenza tra le due comunità non era praticabile, le autorità britanniche inviarono l’undici novembre 1936 a Gerusalemme una commissione di inchiesta presieduta da Lord William Robert Peel – non a caso ex responsabile dell’India Office – che convocò palestinesi e sionisti. Naturalmente il Gran Mufti e il “Comitato centrale per il Jihad” rifiutarono la convocazione perché pretesero – il particolare è tipico della loro mentalità – che fosse accettata una precondizione che non era tale, ma avrebbe segnato la loro vittoria completa: il blocco totale dell’immigrazione ebraica. Una concezione della trattativa come pura e semplice attestazione delle loro ragioni, senza spazi di mediazione, senza politica che di nuovo ricorda l’impolitico rifiuto di Hamas a riconoscere Israele. Impressionante, soprattutto, perché il suo estremismo ideologico e metodologico non si rapporta mai a una valutazione reale delle proprie forze e di quelle dell’avversario, ma è soltanto conseguenza di una presupposta “superiorità” delle proprie ragioni derivata dalla “superiorità” della propria religione, dell’islam. Le autorità britanniche, in segno di apertura, ridussero comunque l’ammissione di profughi ebrei da 4.500 unità a sole 1.800 l’anno, ma non bastò. Il 7 luglio 1937 la Commissione Peel pubblicò il suo rapporto, che fu elaborato essenzialmente mediando tra le posizioni dei sionisti, quelle dei moderati Nashashibi, del re di Transgiordania Abdallah e dell’iracheno Nuri al Said, che non mancarono di inoltrare suggerimenti. Un minuscolo stato sionista di soli 5.000 chilometri quadrati, meno di un quinto della Palestina (un quarto di Israele attuale), grande circa come il Trentino, per di più separato in due zone non comunicanti, uno stato palestinese, una zona – Gerusalemme – sotto controllo britannico e infine un dislocamento bilanciato di sionisti e palestinesi per rendere omogenee le rispettive zone. Il dibattito all’interno del movimento sionista fu intensissimo: Jabotinsky e la sua Irgùn rifiutarono nettamente l’accordo che consideravano rinunciatario rispetto alle aspirazioni alla Eretz Israel, la Grande Israele biblica. Jabotinsky non era isolato nel movimento sionista, ma il piano di bipartizione fu infine accettato dal ventesimo Congresso Sionista di Zurigo nell’agosto del 1937 con 299 voti a favore e 160 contrari, la posizione realpolitiker di Ben Gurion riuscì dunque a prevalere, non senza forti contrasti. Dunque, il movimento sionista, nel 1937, accettò non solo il principio, ma la proposta concreta, assolutamente sfavorevole e impraticabile, di un Israele minuscola e per di più formata da due enclavi circondate dallo stato arabo e non comunicanti. Un precedente che va ricordato, perché nel 2007, chissà perché, Massimo D’Alema non è il solo a dare mostra di non saperlo, o di non volerlo sapere. Ma la accettazione sionista doveva naturalmente essere confortata da quella palestinese e, in una prima fase, sembrò che vi fossero delle possibilità positive. Re Abdallah di Transgiordania era assolutamente favorevole e così Nuri al Said in Iraq, come assolutamente favorevole era Fakhri Nashashibi e i notabili del suo clan, che avevano partecipato alla prima fase della rivolta, ma poi se ne erano distaccati, avevano preso contatto con i sionisti, organizzato addirittura delle “squadre della pace”, forti di migliaia di palestinesi per sedare gli animi e i tumulti. In molti villaggi e anche a Gerusalemme vi furono iniziative comuni. In particolare si distinsero in questo senso i palestinesi cristiani, che non avevano partecipato alla rivolta e che pagarono il loro atteggiamento con molte persecuzioni – compresi molti stupri – da parte dei jihadisti. Il partito jihadista del Gran Mufti aveva però un mezzo semplice per far saltare l’accordo e lo mise in atto: l’inasprimento della guerra civile interpalestinese e la ripresa degli attacchi ai sionisti. Il Gran Mufti, che era scappato da Gerusalemme e si era rifugiato a Damasco, centrò dunque in pieno il suo obbiettivo e incardinò un principio che sarà poi seguito dalle due leadership palestinesi successive, quella nasseriana e quella di Yasser Arafat e di Hamas: rifiutare ogni soluzione politica. Alcuni notabili palestinesi, come Khalil Taha, latifondista di agrumeti a Haifa, contrario alla ripresa della rivolta, furono assassinati dai sicari del Gran Mufti, altri ebbero la stessa sorte, alcuni furono buttati in pozzi pieni di serpenti e scorpioni, mentre furono incendiati i seimila ulivi di un latifondista che aveva buoni rapporti con i sionisti. Elias Sasson, dell’Agenzia ebraica, scrisse: “Ora una striscia di sangue separa le due fazioni palestinesi”. Lo stesso Raghib Nashashibi, a triste conferma della sua previsione di una infinita stagione interpalestinese di vendette, fu in seguito ucciso da un sicario del Gran Mufti a Baghdad nel 1941, in piena faida interaraba. Basta guardare al bilancio delle vittime di quel triennio, per comprendere che quella “rivolta araba” fu qualcosa di ben più complesso di un tentativo di eliminare la presenza sionista in Palestina, come molti storici scrivono in Europa: non meno di 6.000 (circa l’un per cento della popolazione) i palestinesi uccisi, dei quali non meno di 4.500 per mano palestinese e 100 impiccati dagli inglesi (un solo ebreo subì la stessa sorte); circa 30.000 palestinesi (circa il cinque per cento della popolazione), in buona parte le élite cittadine, rifugiati all’estero per timore di essere massacrate da palestinesi (oltre che dal terrorismo ebraico dell’Irgùn), circa duemila le case palestinesi rase al suolo dall’esercito britannico. Un migliaio i ribelli palestinesi, nel 1936 diventarono 7.500, più 15.000 non impegnati stabilmente, nel 1939. Per contro, le vittime ebraiche ammontarono a poche centinaia (cento nel solo 1936). Particolare non secondario: 200.000 furono gli alberi “ebrei” abbattuti o bruciati dai palestinesi. Dopo il Piano Peel, i palestinesi rifiutarono, prima del 1967, per altre due volte il loro stato, la prima nel 1939, quando Chamberlain offrì tutto il territorio della Palestina e la fine del sogno sionista (la rifiutarono perché contrari all’immigrazione di 75.000 ebrei alla vigilia di Auschwitz), la seconda nel 1947, quando l’Onu decretò la bipartizione della Palestina.

C. Panella sul Foglio di ieri 

Dry Bones cartoon: Hamas and Fatah PLO. which ones are the 'good' terrorists?
07.06.18.SixofOne-X.gif




permalink | inviato da esperimento il 22/6/2007 alle 13:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio